Il forum degli amici

... chiù ne simm e chiù bell parimm.....
 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividi | 
 

 Troisi.

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin


Numero di messaggi : 62
Data d'iscrizione : 09.10.07

MessaggioTitolo: Troisi.   Mer Gen 16, 2008 2:16 pm

Ricordo, mi chiedeste questa cosa che avevo già messo nel forum del club.

Nella primavera del 1992, Troisi incontra in un ristorante romano Natalie Caldonazzo, una modella bionda. Vive la nuova storia d'amore con slancio appassionato ma con riservo, in modo contraddittorio, come il solito.

Natalie gli regala il libro di Antonio Skármeta, Ardiente paciencia, edito in Italia da Garzanti con il titolo Il postino di Neruda. Massimo, è stanco del solito film comico in cui parlare di crisi dei sentimenti o in cui ricercare se stesso. Arrivato neanche a leggere un terzo del libro si precipita in ufficio da Gaetano Daniele per dirgli che devono acquistare assolutamente i diritti per il cinema. La storia gli piaceva molto e si identificava nel protagonista. Si pone allora il problema di adattare la storia, per trasportarla in Italia: non se la sente di prendersi da solo la responsabilità e coinvolge Michael Radford. Gli telefona poco prima di Natale del 1992 e gli annuncia che va a Londra a parlargli del libro; per convincerlo gli dice che ha proposto la regia anche a Giuseppe Tornatore (solo più tardi Radford scoprirà che è una bugia). Nel 1993 Radford e Troisi sono negli Stati Uniti per finire la scrittura del film. Massimo sta bene, ma a tratti è preso da una grande stanchezza. Decide allora di andare a Houston per una visita di controllo con Natalie. L'inizio delle riprese è fissato per Settembre ma il responso delle analisi è drammatico: Massimo deve operarsi urgentemente perché la valvola che gli era stata messa nel 1976 si è deteriorata e ha danneggiato l'altra valvola, l'aorta ha danneggiato la mitralica. Massimo non se l'aspetta, è molto abbattuto, ma i medici gli assicurano un miglioramento del 70%. Purtroppo, durante l'operazione ha un infarto e quattro ore dopo l'inizio dell'operazione Natalie lo può vedere in sala di rianimazione. Le dicono che devono rioperarlo di urgenza. Inizia un periodo molto duro, i medici avevano promesso che tutto si sarebbe risolto in una settimana invece i due rimasero in ospedale un mese e mezzo tra varie complicazioni. I medici prospettano a Massimo l'eventualità di un trapianto, ma lui vuole il film a tutti i costi e, dice, "questo film lo voglio fà co' 'o core mio". Quindi l'intervento è rimandato e le riprese de Il postino iniziano il 14 marzo '94. Radford non è molto convinto del film ma Massimo replica sicuro e forse un po' ironico: "Facciamo questo film perché i nostri figli siano fieri di noi". Le riprese fatte a Procida e Salina durano undici settimane con una solo interruzione a Pasqua. Per Massimo è un'immensa fatica (può stare sul set solo tre ore al giorno e non può fare più di tre passi per scena) e un' equipe medica vigila continuamente su di lui. Tre settimane dopo l'inizio delle riprese Massimo ha un collasso e Radford, accorgendosi che la sua salute peggiorava ogni giorno gli diceva: "Massimo, dobbiamo continuare solo se lo vuoi tu" e lui lo voleva. Si ricorre a una controfigura, Gerardo Ferrara, che gli assomiglia come una goccia d'acqua. All'inizio della lavorazione Massimo inventa le battute come è abituato a fare nei suoi film, tanto che Radford arriva quasi a spazientirsi ricordandogli tutto il tempo passato assieme a scrivere i dialoghi. Nel libro a morire è Neruda ma nel film é il postino-Troisi che come per uno strano gioco del destino si mette al posto del poeta e vuole arrivare a tutti i costi alla fine della lavorazione.

Venerdì,3 giugno '94, finisce la lavorazione del film e Massimo partecipa anche ad un brindisi di addio. Si capiva che lo sforzo era stato grande. Doveva partire per il trapianto a Londra il martedì successivo. Sabato 4 giugno si trovava a casa della sorella ad Ostia. Dopo mangiato andò a riposarsi: poco dopo la sorella cercò di svegliarlo perché c'era Natalie al telefono.

Ma Massimo non dormiva: era andato dal suo poeta dove anche gli angeli volevano ridere delle sue battute. Era entrato per sempre nell'immaginario degli italiani.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://organizziamoci.forumattivo.com
mochina

avatar

Numero di messaggi : 84
Data d'iscrizione : 09.10.07

MessaggioTitolo: Re: Troisi.   Mer Gen 16, 2008 2:20 pm

Admin ha scritto:
Ricordo, mi chiedeste questa cosa che avevo già messo nel forum del club.

Nella primavera del 1992, Troisi incontra in un ristorante romano Natalie Caldonazzo, una modella bionda. Vive la nuova storia d'amore con slancio appassionato ma con riservo, in modo contraddittorio, come il solito.

Natalie gli regala il libro di Antonio Skármeta, Ardiente paciencia, edito in Italia da Garzanti con il titolo Il postino di Neruda. Massimo, è stanco del solito film comico in cui parlare di crisi dei sentimenti o in cui ricercare se stesso. Arrivato neanche a leggere un terzo del libro si precipita in ufficio da Gaetano Daniele per dirgli che devono acquistare assolutamente i diritti per il cinema. La storia gli piaceva molto e si identificava nel protagonista. Si pone allora il problema di adattare la storia, per trasportarla in Italia: non se la sente di prendersi da solo la responsabilità e coinvolge Michael Radford. Gli telefona poco prima di Natale del 1992 e gli annuncia che va a Londra a parlargli del libro; per convincerlo gli dice che ha proposto la regia anche a Giuseppe Tornatore (solo più tardi Radford scoprirà che è una bugia). Nel 1993 Radford e Troisi sono negli Stati Uniti per finire la scrittura del film. Massimo sta bene, ma a tratti è preso da una grande stanchezza. Decide allora di andare a Houston per una visita di controllo con Natalie. L'inizio delle riprese è fissato per Settembre ma il responso delle analisi è drammatico: Massimo deve operarsi urgentemente perché la valvola che gli era stata messa nel 1976 si è deteriorata e ha danneggiato l'altra valvola, l'aorta ha danneggiato la mitralica. Massimo non se l'aspetta, è molto abbattuto, ma i medici gli assicurano un miglioramento del 70%. Purtroppo, durante l'operazione ha un infarto e quattro ore dopo l'inizio dell'operazione Natalie lo può vedere in sala di rianimazione. Le dicono che devono rioperarlo di urgenza. Inizia un periodo molto duro, i medici avevano promesso che tutto si sarebbe risolto in una settimana invece i due rimasero in ospedale un mese e mezzo tra varie complicazioni. I medici prospettano a Massimo l'eventualità di un trapianto, ma lui vuole il film a tutti i costi e, dice, "questo film lo voglio fà co' 'o core mio". Quindi l'intervento è rimandato e le riprese de Il postino iniziano il 14 marzo '94. Radford non è molto convinto del film ma Massimo replica sicuro e forse un po' ironico: "Facciamo questo film perché i nostri figli siano fieri di noi". Le riprese fatte a Procida e Salina durano undici settimane con una solo interruzione a Pasqua. Per Massimo è un'immensa fatica (può stare sul set solo tre ore al giorno e non può fare più di tre passi per scena) e un' equipe medica vigila continuamente su di lui. Tre settimane dopo l'inizio delle riprese Massimo ha un collasso e Radford, accorgendosi che la sua salute peggiorava ogni giorno gli diceva: "Massimo, dobbiamo continuare solo se lo vuoi tu" e lui lo voleva. Si ricorre a una controfigura, Gerardo Ferrara, che gli assomiglia come una goccia d'acqua. All'inizio della lavorazione Massimo inventa le battute come è abituato a fare nei suoi film, tanto che Radford arriva quasi a spazientirsi ricordandogli tutto il tempo passato assieme a scrivere i dialoghi. Nel libro a morire è Neruda ma nel film é il postino-Troisi che come per uno strano gioco del destino si mette al posto del poeta e vuole arrivare a tutti i costi alla fine della lavorazione.

Venerdì,3 giugno '94, finisce la lavorazione del film e Massimo partecipa anche ad un brindisi di addio. Si capiva che lo sforzo era stato grande. Doveva partire per il trapianto a Londra il martedì successivo. Sabato 4 giugno si trovava a casa della sorella ad Ostia. Dopo mangiato andò a riposarsi: poco dopo la sorella cercò di svegliarlo perché c'era Natalie al telefono.

Ma Massimo non dormiva: era andato dal suo poeta dove anche gli angeli volevano ridere delle sue battute. Era entrato per sempre nell'immaginario degli italiani.




Vabbè Pà... hai pensato che potevamo morire di allegria dall'annuncio dei coniugi Mastella? confused
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Partenopeo

avatar

Numero di messaggi : 106
Età : 53
Data d'iscrizione : 10.10.07

MessaggioTitolo: Re: Troisi.   Mer Gen 16, 2008 2:22 pm

che classe al momento giusto, un velo di tristezza
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
piciupiciu

avatar

Numero di messaggi : 209
Età : 43
Data d'iscrizione : 12.12.07

MessaggioTitolo: Re: Troisi.   Mer Gen 16, 2008 5:48 pm

Mi hai fatto venire le lacrime agli occhi. Sad

Grande Troisi!!
Quando ho avuto la febbre e stavo sola a casa, mi sono fatta un'overdose di Troisi...
Ho visto tutti e 4 i dvd "Troisi o' Massimo",
ed infine per concretizzare tutte quelle interviste, ho visto "Ricomincio da tre"
Un grandissimo artista,
una persona con il cuore,
un uomo che ha portato Napoli in tutto il mondo a testa alta...
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Xena

avatar

Numero di messaggi : 107
Età : 48
Data d'iscrizione : 11.10.07

MessaggioTitolo: Re: Troisi.   Mer Gen 16, 2008 7:10 pm

Ho letto solo ora
Indimenticabile Artista
indimenticabile uomo
INDIMENTICABILE e basta
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Althea

avatar

Numero di messaggi : 43
Età : 54
Data d'iscrizione : 10.10.07

MessaggioTitolo: Settimana sul forum dall'1.12. al 07.12.07   Mer Gen 16, 2008 9:22 pm

Admin ha scritto:
Ricordo, mi chiedeste questa cosa che avevo già messo nel forum del club.

Nella primavera del 1992, Troisi incontra in un ristorante romano Natalie Caldonazzo, una modella bionda. Vive la nuova storia d'amore con slancio appassionato ma con riservo, in modo contraddittorio, come il solito.

Natalie gli regala il libro di Antonio Skármeta, Ardiente paciencia, edito in Italia da Garzanti con il titolo Il postino di Neruda. Massimo, è stanco del solito film comico in cui parlare di crisi dei sentimenti o in cui ricercare se stesso. Arrivato neanche a leggere un terzo del libro si precipita in ufficio da Gaetano Daniele per dirgli che devono acquistare assolutamente i diritti per il cinema. La storia gli piaceva molto e si identificava nel protagonista. Si pone allora il problema di adattare la storia, per trasportarla in Italia: non se la sente di prendersi da solo la responsabilità e coinvolge Michael Radford. Gli telefona poco prima di Natale del 1992 e gli annuncia che va a Londra a parlargli del libro; per convincerlo gli dice che ha proposto la regia anche a Giuseppe Tornatore (solo più tardi Radford scoprirà che è una bugia). Nel 1993 Radford e Troisi sono negli Stati Uniti per finire la scrittura del film. Massimo sta bene, ma a tratti è preso da una grande stanchezza. Decide allora di andare a Houston per una visita di controllo con Natalie. L'inizio delle riprese è fissato per Settembre ma il responso delle analisi è drammatico: Massimo deve operarsi urgentemente perché la valvola che gli era stata messa nel 1976 si è deteriorata e ha danneggiato l'altra valvola, l'aorta ha danneggiato la mitralica. Massimo non se l'aspetta, è molto abbattuto, ma i medici gli assicurano un miglioramento del 70%. Purtroppo, durante l'operazione ha un infarto e quattro ore dopo l'inizio dell'operazione Natalie lo può vedere in sala di rianimazione. Le dicono che devono rioperarlo di urgenza. Inizia un periodo molto duro, i medici avevano promesso che tutto si sarebbe risolto in una settimana invece i due rimasero in ospedale un mese e mezzo tra varie complicazioni. I medici prospettano a Massimo l'eventualità di un trapianto, ma lui vuole il film a tutti i costi e, dice, "questo film lo voglio fà co' 'o core mio". Quindi l'intervento è rimandato e le riprese de Il postino iniziano il 14 marzo '94. Radford non è molto convinto del film ma Massimo replica sicuro e forse un po' ironico: "Facciamo questo film perché i nostri figli siano fieri di noi". Le riprese fatte a Procida e Salina durano undici settimane con una solo interruzione a Pasqua. Per Massimo è un'immensa fatica (può stare sul set solo tre ore al giorno e non può fare più di tre passi per scena) e un' equipe medica vigila continuamente su di lui. Tre settimane dopo l'inizio delle riprese Massimo ha un collasso e Radford, accorgendosi che la sua salute peggiorava ogni giorno gli diceva: "Massimo, dobbiamo continuare solo se lo vuoi tu" e lui lo voleva. Si ricorre a una controfigura, Gerardo Ferrara, che gli assomiglia come una goccia d'acqua. All'inizio della lavorazione Massimo inventa le battute come è abituato a fare nei suoi film, tanto che Radford arriva quasi a spazientirsi ricordandogli tutto il tempo passato assieme a scrivere i dialoghi. Nel libro a morire è Neruda ma nel film é il postino-Troisi che come per uno strano gioco del destino si mette al posto del poeta e vuole arrivare a tutti i costi alla fine della lavorazione.

Venerdì,3 giugno '94, finisce la lavorazione del film e Massimo partecipa anche ad un brindisi di addio. Si capiva che lo sforzo era stato grande. Doveva partire per il trapianto a Londra il martedì successivo. Sabato 4 giugno si trovava a casa della sorella ad Ostia. Dopo mangiato andò a riposarsi: poco dopo la sorella cercò di svegliarlo perché c'era Natalie al telefono.

Ma Massimo non dormiva: era andato dal suo poeta dove anche gli angeli volevano ridere delle sue battute. Era entrato per sempre nell'immaginario degli italiani.
e' un grande king
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Troisi.   

Torna in alto Andare in basso
 
Troisi.
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Il forum degli amici :: A ruota libera :: -
Andare verso: